Cocktail

Renzetti “Rosemary” Spritz

14
Lo Spritz è un cocktail che ebbe grande successo a partire dagli anni ’80 grazie al boom degli happy hour.

Si crede che abbia origini che risalgono all’ 800 durante il periodo di dominazione Asburgico, infatti il nome deriva dal verbo tedesco “Spritzen” ( gli austriaci stemperavano la gradazione alcolica del vino locale con acqua).

Nasce presumibilmente tra gli anni ’20 e ’30 del ‘900, tra Padova e Venezia, quando si pensò di unire a tale usanza l’Aperol o il Select. Nel corso degli anni oltre all’Aperol, Campari e Select furono utilizzati altri liquori come: Cynar, il China Martini, il Rabarbaro etc etc…

Riguardo agli Spritz ho pensato di rivisitarne uno molto in voga dalle mie parti, ovvero il “Renzetti Spritz” dall’omonimo cognome dei fratelli Stefano e Fabio Renzetti, aggiungendo un homemade di Liquore al Rosmarino da me creato.

Il Renzetti "Rosemary" Spritz reinterpretato dalla bartender Valentina Vitali

Il Renzetti “Rosemary” Spritz reinterpretato dalla bartender Valentina Vitali

Renzetti “Rosemary” Spritz

6 cl. prosecco
5 cl. di Biancosarti
1 cl. di liquore al rosmarino
1 cl. di lime fresco
2 cl. soda water

Guarnire con buccia di lime e zest di rosmarino, completare facoltativamente con spiedino di olive verdi.

Preparare direttamente in un bicchiere da long drink aggiungendo dapprima abbondante ghiaccio inserendo al contempo la buccia di lime e lo zest di rosmarino.
Quindi versare il prosecco ponendo cura che bagni sia il lime che il rosmarino poi aggiungere tutti gli altri ingredienti. Mescolare dolcemente e servire rigorosamente senza cannucce.

Ringraziando i fratelli Renzetti per la cortese collaborazione, vi auguro una buona degustazione, magari al locale “Renzetti aperitivo & bar” di Civitanova Marche (MC) dove potete assaggiare l’originale.

2018 22 17 1613 12368

Valentina Vitali, giovane appassionata del mondo bar si è distinta durante i corsi di aggiornamento di bar.it.
Collabora con la redazione e frequenta costantemente la scuola di bar.it.
La sua famiglia gestisce uno dei ristoranti più rinomati del maceratese dove lei è parte attiva.

Share