Cocktail

La nuova tendenza dei cocktail Kosher

La religione ebraica propone nuovi modi e tendenze per creare cocktail kosher, con regole molto rigide ed ingredienti particolari. I nuovi sapori e gusti dei cocktail kosher arrivano direttamente da Gerusalemme e Tel Aviv.

Sono cumino, cardamomo e curcuma alcuni degli ingredienti protagonisti dei cocktail kosher che arrivano dall’Israele, e che anche in Italia stanno trovando terreno fertile, tanto che a Roma a novembre scorso è andata in scena la manifestazione Gusto Kosher, evento annuale che dà spazio ad enogastronomia e cultura ebraica nel nostro Paese. Tra gli ospiti c’erano anche due giovani bartender (Bar Shira e Gilad Livnat) titolari dell’Imperial Cocktail Bar di Gerusalemme e Tel Aviv, 17° nella classifica dei 50 Best Bar in the World.

Il tema delle spezie e dei cocktail è centrale nelle tendenze kosher degli ultimi anni, e l’ultima edizione di Gusto Kosher permetteva proprio di conoscere da vicino la cultura del cibo ebraico, con un focus sulle spezie che sono ingredienti principali appunto dei cocktail, che devono però rispettare regole ben precise. Giovanni Terracina (fondatore e amministratore di Le Bon Ton con Dario Bascetta Greco, producer di Gusto Kosher) dichiara: “Tutto ciò che viene ingerito o bevuto deve sottostare alle regole alimentari ebraiche per essere considerato kosher, cioè idoneo.

Una particolare attenzione viene rivolta al vino, usato per santificare lo Shabbat e le Festività ebraiche, e ai suoi prodotti successivi, come distillati e alcol. L’iter per la loro produzione deve sottostare a un particolarissimo rigore. Per questo anche nei cocktail, spesso a base di distillati di uva, bisogna fare particolare attenzione. Un cocktail è formato da tante piccole parti di bevande e ogni singolo elemento che lo compone deve essere kosher – liquori, sciroppi, infusi – anche quando sono presenti in percentuali minime e con dosaggi quasi farmaceutici.”

E allora i due giovani bartender hanno creato lo Spice Market, un posto magnifico dove anche gin, triple sec, amaro di angostura, cioccolato, succo di limone, sciroppo di mandorle, cardamomo verde, falernum, bianco d’uovo e una spolverata di noce moscata sono rigorosamente casherut.

Share