Cocktail

Vi presentiamo il Martini Mule!

martini mule bar.it

Quante versione del Martini cocktail conoscete? Bene, questa sarà per voi una vera sorpresa!

Il Martini Mule ha una storia particolare, visto che ho preso ispirazione dalla ricetta di un drink che il grande chef Jamie Oliver serve in uno dei suoi ristoranti. Da lì, ho poi aggiunto il mio tocco e quello del mio locale, il Doppio Zero Lab, per reinterpretare nome e struttura. Ecco cosa serve per preparare il Martini Mule:

– 6 cl di Vermouth Bianco “Berto” del Professor Quaglia;
– 2 cl di succo di pompelmo rosa;
– lime;
– Intense Ginger Goldberg;
– rosmarino;
– zenzero

Il Martini Mule nell'abbinamento che troverete al Doppio Zero Lab

Il Martini Mule nell’abbinamento che troverete al Doppio Zero Lab

In un tumbler versare Vermouth Bianco e succo di pompelmo rosa precedentemente centrifugato, per poi mescolare. Nel frattempo raffreddare il bicchiere in cui serviremo il cocktail. Versare la miscela nel bicchiere e aggiungere Intense Ginger. Tagliare lo zenzero a fettine e mescolare insieme al preparato, così da far sprigionare l’aroma. Con un rametto di rosmarino, poi, picchiettare il bordo del bicchiere in modo che i sentori non invadano il cocktail. Il Martini Mule è servito.

Un cocktail fresco, che può essere servito in ogni momento della giornata, perfetto per un aperitivo “sobrio” e ottimo per pasteggiare durante la cena. Noi, abbiamo scelto di abbinarlo ad un mini panino al carbone vegetale con pollo al pompelmo e rosmarino e spuma di zenzero.

Share