Cocktail

Spirito d’Algarve: dal Portogallo un cocktail a base di Gin

cocktail-con-gin

Vi presentiamo un cocktail a base di Gin che si ispira al Portogallo. Spirito d’Algarve è un incontro tra la cultura portoghese e quella dell’aperitivo italiana, con un tocco di sciroppo homemade.

Lo Spirito dAlgarve

Lo Spirito dAlgarve

Spirito D’Algarve si ispira al Portogallo, precisamente alla regione a sud denominata appunto Algarve. Con la parola Spirito si è voluto fare riferimento non solo al fattore “alcolico”, bensì all’essenza, all’anima di questa terra, andando ad utilizzare un prodotto che ha origine nella località di Silves, il Tangerine Gin, un London Dry Gin insolito, fresco, agrumato, arricchito dall’essenza di bucce di mandarino oltre alle più comuni botanical. Ad accompagnare questo nobile distillato abbiamo l’aperitivo italiano per eccellenza, il Bitter Campari, che con il suo carattere amaro e speziato si sposa molto bene con le caratteristiche organolettiche e gustative di questo particolare gin. Per dare un ulteriore tocco di freschezza si è utilizzato del succo di mandarino accompagnato da uno sciroppo homemade ricavato da un infuso di bacche di ciliegia ed amarena selvatica. A completare il drink c’è un velluto a base di Porto Bianco Extra Dry, il vermouth portoghese per eccellenza, al quale sono stati aggiunti uno sciroppo alla cannella e alla vaniglia per ammorbidire le note amare del Campari. Per la decorazione si sono scelti tre elementi che oltre a donare colore e profumo al cocktail, rappresentano iconicamente la bandiera portoghese.

Ricetta:
3 cl Succo fresco di mandarino;
1,5 cl Sciroppo alla ciliegia;
4 cl Bitter Campari;
2,5 cl Tangerine Gin;
Velluto di Porto Bianco Extra Dry alla vaniglia e cannella;

Bicchiere: Coppa Martini
Tecnica: Shake & Double Strain
Decorazione: Ramoscello di rosmarino o menta, zest di limone e ciliegia al maraschino.

Angelo Sparvoli con il suo cocktail

Angelo Sparvoli con il suo cocktail

Preparazione:
Preparare il velluto versando in una piccola ciotola il porto bianco (3cl) , lo sciroppo alla cannella (1,5 cl) e lo sciroppo alla vaniglia (1,5 cl), mezzo cucchiaino di sucroestere e montare con un mini pimmer o un monta latte e lasciare riposare. Nel frattempo versare tutti gli altri ingredienti in uno shaker e filtrare successivamente in una coppa da cocktail precedentemente raffreddata. A questo punto con l’aiuto di un cucchiaio forato per cucina molecolare, o in alternativa un barspoon, versare il velluto sulla superficie del cocktail. Infine decorare sistemando su uno stecchino da cocktail un ramoscello di rosmarino o menta, uno zest intagliato di limone ed una ciliegina al maraschino in questo ordine.

Share