Cocktail

MOJITO 7 RICETTE CHE NON HAI MAI ASSAGGIATO

image

Il Mojito è il più famoso cocktail di origine cubana ed è composto da : rum, zucchero di canna, succo di lime, foglie di menta “Hierbabuena” e  soda

Nel XVI secolo il pirata inglese Francis Drake creò El Draque “il drago”, primo discendente dell’attuale mojito. Ricetta preparata con aguardiente (rhum non invecchiato) di bassa qualità, lime, acqua, zucchero raffinato bianco di canna e una specie locale di menta, la hierbabuena.

Il Mojito per come lo conosciamo oggi risale alla seconda metà dell’Ottocento, quando Facundo Bacardi Massó con l’aiuto del franco-cubano José Leòn Boutellier mise a punto un nuovo sistema per produrre il rum dal succo di canna da zucchero. I due ottennero così un prodotto più raffinato, morbido e aromatico in grado di sostituire l’acquavite.

Due sono le teorie che riguardo l’origine del termine “Mojito“:
– Derivato della parola “mojo”, condimento tipico della cucina cubana a base di aglio e agrumi, usato per la marinatura .
– Derivato della parola spagnola mojadito che significa “umido”.

Secondo i cubani questo drink è di rango decisamente basso, ma ormai si è diffuso in tutto il mondo creando molte varianti innovative della ricetta originale con nuovi ingredienti che ne sostituiscono alcuni degli originali.
imageRicetta originale

– 5 cl Rum bianco
– 2.5 cl succo di lime
– 2 cucchiaini di zucchero di canna
– 1 rametto di Hierbabuena
– acqua gasata (o acqua di Seltz o soda).

 

Usare un bicchiere del tipo tumbler alto, preparando sul fondo del bicchiere due cucchiaini di zucchero di canna bianco, succo di mezzo lime, rum e menta.
Si amalgama il tutto premendo delicatamente le foglie di menta per far sì che si mescolino i sapori.
In ultimo si uniscono il ghiaccio, l’acqua gassata ed un rametto hierbabuena.

Le Varianti

imageVirgin Mojito “analcolico”

– 15 cl succo Lime
– 2 cucchiaini di Zucchero di canna
– 1 rametto di Menta
– Si sostituisce il rum con la gassosa (sprite, seven-up) o dal ginger-ale.

Il Baxeichitho è la variante nata a Genova a fine anni 90′ nella Ostaia de Banchi, riprende la formula classica rivisitandola usando il basilico anziché la menta.

imageBaxeichito

– 5 cl Rum bianco
– 2.5 cl succo di lime
– 2 cucchiaini di zucchero di canna
– 5/6 foglie di basilico
– acqua gasata (o acqua di Seltz o soda).

imageMexican Mojito

– 5 cl Tequila
– 2.5 cl succo di lime
– 2 cucchiaini di zucchero di canna
– 1 rametto di Hierbabuene
– acqua gasata (o acqua di Seltz o soda).

imageMojito Fidel

– 5 cl Rum bianco
– 2.5 cl succo di lime
– 2 cucchiaini di zucchero di canna
– 1 rametto di Hierbabuene
– Birra

imageMojitaly

– 5 cl Branca Menta
– 2.5 cl succo di Mapo (agrume ibrido tra mandarino e pompelmo)
– 2 cucchiaini di zucchero di canna
– 1 rametto di menra
– acqua gasata (o acqua di Seltz o soda).

Per un sapore tutto marchigiano assaggiate la versione che prevede il Varnelli.

imageVarnelli Mojito

– 3 cl Varnelli
– 1.5 cl succo di Lime
– 1/2 cucchiaino di zucchero di canna bianco
– 1 rametto di menta
– acqua gasata (o acqua di Seltz o soda)

 

Share