Attrezzature

Latte Art – Il bricco e il latte

corsi latte art bar.it

Nel vastissimo settore bar e caffetteria è sempre più difficile distinguersi e fare bene e con professionalità il proprio lavoro.

Le variabili e le conoscenze da acquisire sono tantissime e spesso investire su se stessi cercando di ritagliarsi del tempo per partecipare a dei corsi di formazione diventa quasi impossibile!!! Ecco in queste “mini lezioni”, appassionati del settore , professionisti e non, neofiti ed esperti potranno sicuramente trovare qualche informazione o spunto utile a riguardo.

Prima di tutto è essenziale chiarire che fare latte art non è solo un discorso di gare e concorsi o di belle foto di cappuccini qua e la, in realtà significa riuscire a proporre ogni volta in ogni cappuccino una preparazione che sorprenda e incuriosisca il cliente o che semplicemente possa provocare in lui una reazione positiva…meglio di tutti un sorriso!!! Per fare latte art sono fondamentali strumenti e materie prime, ovvero i bricchi e il latte: i bricchi devono essere in acciaio inox con uno spessore abbastanza fine in modo da poter percepire la temperatura del latte mentre lo si sta montando con la lancia del vapore; inoltre devono avere una forma con la base più larga e la parte superiore più stretta (proprio x favorire la montatura del latte) e indispensabile il beccuccio per poter disegnare mentre si versa il latte!!! È utile inoltre avere almeno 3 bricchi delle varie dimensioni: 1 piccolo x un cappuccio, 1 medio x 2/3 cappucci ed 1 grande x 4 cappucci. Questo perché è indispensabile montare sempre la giusta quantità di latte prima di tutto per evitare sprechi e poi per servire cappuccini con latte fresco appena montato!

bricchi per latte art bar.it

Decorazione col metodo latte art

Il latte è la materia prima e deve essere sempre fresco e intero e di alta qualità, infatti solo un latte con un alto contenuto di grassi e proteine potrà permetterci di avere una montatura perfetta e un gusto pieno e corposo. Infatti tutti gli altri tipi di latte (scremato, parzialmente scremato, UHT, lunga conservazione anche se intero) non possiedono le caratteristiche necessarie in quanto prive dei parametri di cui sopra.
È vero che negli ultimi tempi le mode di latte “diversi” ci richiedono di tenere a disposizione dei clienti anche altre tipologie di latte ovvero quello vegetale di soia, il delattosizzato e lo scremato i quali però non daranno mai lo stesso risultato di un latte fresco intero!!! Sicuramente infatti la montatura risulterà meno cremosa ed il sapore sarà completamente differente. Un accorgimento che suggerisco di adottare durante il servizio delle colazioni è quello di tenere in un cestello con il ghiaccio sia bricchi sia il latte perché in questo modo il risultato della montatura sarà davvero ottimale!

 

Laura Tonti bar.it

LAURA TONTI

Share