Beverage

L’acqua è gassata dal 1768!

L’acqua gassata fu inventata da Joseph Priestley nel 1768, un sacerdote inglese appassionato di filosofia e di scienze naturali, il quale vivendo vicino ad una fabbrica di birra, studiò i processi di fermentazione.

Il gas rilasciato durante tali processi, cioè quello che oggi chiamiamo anidride carbonica, aggiungendolo all’acqua, la trasformava in frizzante.

All’inizio sperava potesse prevenire lo scorbuto, una grave malattia che colpiva i marinai durante le lunghe permanenze in mare, ma in seguito capì che l‘acqua gassata non era curativa.

Ebbe ugualmente molto successo ma non nel campo della medicina, in quanto divenne un’interessante e profittevole produzione industriale, che oltre a produrre l’acqua gassata e il selz, aggiungendo aromi e zucchero, mise sul mercato bibite di ogni tipo.

L’acqua gassata o gasata è acqua potabile nella quale è stata immessa anidride carbonica. Costituisce la base di molte bibite analcoliche dette soft drink (mentre per i cocktail si preferisce la più forte acqua di Seltz).

Esistono alcune acque nel quale l’effervescenza è naturale; per la legge italiana queste acque devono avere un tenore di anidride carbonica libera superiore a 250 mg/L e uguale a quello della sorgente.

Sia naturale che gassata l’acqua è un elemento indispensabile per il nostro organismo, in media un individuo ne dovrebbe bere 1,5-2 litri di acqua, ma la dose giornaliera può variare da individuo ad individuo,e un metodo empirico per valutare se stiamo bevendo a sufficienza è quello di osservare il colore delle urine: se è giallo paglierino significa che stiamo assumendo liquidi a sufficienza, se invece è giallo scuro significa che stiamo bevendo troppo poco.

E’ consigliabile iniziare a bere già al mattino appena svegli: un bicchiere di acqua, oltre che a idratarci, stimola la peristalsi intestinale ed è molto utile contro la stipsi.
E’ buona abitudine distribuire nel corso della giornata il rimanente quantitativo senza eccedere nel consumo ai pasti per non diluire eccessivamente i succhi gastrici rallentando così la digestione (al massimo mezzo litro di acqua).
E’ possibile bere prima dei pasti, a stomaco vuoto, in particolare, se si segue una dieta dimagrante, può essere utile in quanto diminuisce il senso di appetito.

E allora dato che possiamo scegliere…liscia gassata o Ferrarelle?

Antonella

Share

Lascia un commento