Caffetteria

“Il caffè è nocivo”: una sentenza fa rabbrividire produttori e consumatori!

il caffè è nocivo

Dalla California arriva una sentenza che fa rabbrividire i produttori di caffè: il giudice obbliga le torrefazioni a riportare in etichetta la scritta “il caffè è nocivo”. Ora è battaglia nel mercato del caffè.

Obbligo di avvertenza in etichetta: “il caffè è nocivo”. La notizia arriva dalla California, e promette di sconvolgere il mercato. Il National Center Institute presume infatti, dopo studi effettuati, che le temperature durante il ciclo produttivo in torrefazione sviluppino una sostanza cancerogena, l’acrilamide. Oltre alle sigarette quindi, presto anche i consumatori di caffè potrebbero trovare sulle confezioni indicazioni di attenzione alla salute.

il caffè è nocivo

Secondo gli scienziati il caffè sarebbe una delle sostanze in cui l’acrilamide è maggiormente presente, oltre a patatine, alcuni tipi di biscotti, salatini, cracker. Per questi tipi il National Cancer Institute consiglia di ridurre il tempo di cottura. Una notizia proposta che già 8 anni fa era arrivata ai grandi produttori da un’associazione no profit, la The Council for Education and Research on Toxics, che voleva imporre i produttori ad avvertire i clienti sui rischi che provoca il consumo di caffè. Da allora alcune aziende si sono adeguate alle diciture in etichetta, mentre altre proseguono nel non citare rischi.

L’associazione produttori di caffè è sul piede di guerra, ed ha emesso un comunicato in cui spiega come tali diciture siano fuorvianti per il consumatore, e che secondo il governo americano il caffè è parte di uno stile di vita sano. Chi tace, invece, è Starbucks. La sentenza del giudice non è comunque definitiva, e si stanno vagliando i ricorsi delle aziende.

effetti del caffè

Share