News

Falò per proteggere i vigneti dal gelo

i falò nele vigne per progettere i filari

Una antica tradizione per preservare i filari da questo colpo di coda inatteso dell’inverno e salvare i vigneti dal gelo!

Questo inizio di primavera ci ha regalato un ritorno alle temperature rigide, che ci portano alla mente il titolo di una canzone di Rogers “Prince” Nelson: Sometimes It Snows In April!

Ma tolto il lato poetico, rimane l’aspetto critico delle temperature precipitate in questi ultimi giorni, soprattutto per i vignaioli che si sono trovati a dover arginare l’arrivo nei propri vigneti di gelate notturne e la presenza di brina la mattina.

Ed ecco quindi trovare in diverse parti d’Italia ripristinato un antico rimedio dei nonni per scaldare le vigne e per combattere le gelate notturne, sperando di salvare i filari.

In queste notti di gelo i vignaioli sono stati tutti sulle loro terre, hanno acceso fuochi – “di legna vergine”, per lo più –  su autorizzazione dei Sindaci, per riscaldare i germogli delle viti, per non farli morire e non morire anche loro, ovvero per non perdere un anno di lavoro, la vendemmia,  e gli introiti che servono a fare nuovi impianti, perché il vino in diverse parti d’Italia costituisce la ricchezza e la caratterizzazione del territorio di appartenenza!

Così è andata, non solo in Italia perché l’aprile che va sottozero ha colpito anche la Francia. E la settimana scorsa altri contadini, quelli del prezioso Chablis, hanno acceso i loro fuochi nelle notti gelate.

Un rito a cui si sperava di non dover fare ricorso e che ci auguriamo abbia dato i suoi frutti!

falò tra le vigne per proteggere i filari

 

Share