Cocktail

Pensieri e cocktail per i lavoratori della Pasqua

cocktail-fiori-pasqua

La Pasqua 2016 è arrivata e alcuni di voi staranno ancora cercando l’uovo di Pasqua perfetto da regalare al proprio figlio, mentre altri staranno preparando i servizi, le vivande, il beverage e tutto quello che occorre per far funzionare “l’industria” dell’ospitalità.

Tuttavia, bisogna ricordare il significato di questa festa, perché la Pasqua non è solamente un giorno in cui si mangia cioccolata e si scartano regali, ma anche un momento in cui si sta con la famiglia e si riscoprono i veri valori di un tempo.

Mentre molti operatori di settore (barman, camerieri, cuochi, pasticceri, portieri etc etc) lavorano anche a Pasqua con, alle volte, paghe al limite della miseria che anno dopo anno si attestano su livelli sempre più bassi.

Ed è a questi onesti lavoratori che va il mio pensiero e quello di tutto il direttivo di bar.it, alle storia di tanti colleghi senza volto che lavorano con professionalità e passione nonostante tutto, chiedendo di poter fare qualche straordinario, pur di ottenere qualche risicato guadagno.

Pasqua è quindi più che mai un giorno di lavoro dove il volto di “Gesù” non è altro se non quello del cameriere che servirà una famiglia festosa al ristorante, del barista che preparerà le colazioni dei viaggiatori della gita fuori porta, dei barman della notte che silenziosamente garantiranno la buona riuscita delle feste.

E allora la magia della Pasqua è un sentimento che nasce proprio dal lavoro e quando sarà il momento di festeggiare di fronte alla tavola imbandita, un pensiero ed un “grazie” dovrà essere rivolto a tutti coloro che, in ogni luogo, stanno lavorando per la gioia della propria e dell’altrui famiglia.

A questi colleghi che come me lavoreranno dedico questo cocktail che si chiama:

EASTER WORKER

Yogurt bianco cremoso, liquore al cocco, liquore al cioccolato bianco, lamponi, mirtilli, vaniglia, crema di latte. Servire su una flute capiente e guarnire con fiorellini commestibili.

Buona Pasqua a tutti, ma proprio tutti!

Simone Di Leonardo
e tutto lo staff di bar.it

Share