Cocktail

Capeta…il drink del Diavolo!

capeta bar.it

Estate, una spiaggia sudamericana, profumo di cocco e tra le mani un cocktail che regala “saudade”, il Capeta.

Immaginate di essere a Porto Seguro, Bahia in Brasile, Avenida Portugal (a pasarela do alcool). L’umidità dell’aria è forte e porta con se il profumo del cocco, della frutta tropicale, dei gamberi fritti per strada nell’olio di dende. Il samba è nell’atmosfera, ci sono 40° e la sete si fa sentire. Proprio lì, fra le mille “baraquinhas”, c’è una morena dagli occhi d’acqua, come cantava Chico Buarque, che vende bevande colorate e dai gusti fruttati, che lei chiama la bevanda del diavolo: o Capeta!

Non è un drink antichissimo, né famoso, ma racchiude in sé tutta l’allegria e lo spirito di quell’angolo del sudamerica…il Capeta ha ingredienti poveri, colorato come la frutta che contiene, dolce come gli sguardi di quella morena, ma che allo stesso tempo ti dà quel colpo che ti prende la testa ed il cuore e ti regala quella “saudade”, proprio come il diavolo saprebbe fare…dolce ma allo stesso tempo forte!
foto_auriaIngredienti per un perfetto Capeta:
– Frutta a piacere (ananas, papaya, maracujà, açai, kiwi, uva, avocado…)
– 3cl. di latte condensato
– 3/5 gr. di guaranà in polvere
– 6 cl. di cachaça/vodka
– un pizzico di cannella in polvere
– miele e cacao (facoltativi ed a piacere)

Si prepara frullando tutto in un blender con tanto ghiaccio e decorato con frutta fresca!

vincenzo d'auria bar.it

VINCENZO D’AURIA nasce 36 anni fa a Napoli i suoi studi superiori si svolgono all’istituto Alberghiero “Petronio” di Pozzuoli, Napoli, dove da subito viene rapito dal mondo del bar. Da allora è inizata una continua ricerca e passione in questo campo che avviene con collaborazioni, consulenze organizzazioni di eventi o più semplicemente per il piacere di offrire una piacevole serata ai suoi ospiti.

Share