barman

Barman: un identikit non convenzionale!

barman

Forse il bar non è più il luogo d’incontro più frequentato, purtroppo, e forse il barman non ha più il fascino di qualche tempo fa.

Ciò nonostante il bar è ancora un crocevia di persone di qualsiasi tipo, e il barman un personaggio che è entrato nel costume e nella vita di tutti i giorni. E’ possibile farne un identikit, un ritratto che esca dai valori tecnici e che serva come riferimento non troppo serioso per eventuali modelli di comportamento al bar? Proviamo.

Di sicuro un barman possiede una personalità polivalente, capace di essere filosofo e confessore dei clienti. Creando una complicità particolare fra gli avventori, sarà capitato anche a voi di aprirvi con il vostro barista di fiducia, soprattutto in alcune ore della notte.

Per alcuni è il migliore amico, per altri uno psicologo discreto e con una grande umanità, intesa come capacità di creare rapporti umani. Un perfetto cocktail di personalità e professionalità. È, forse, la persona che più di ogni altra riesce a mettervi sete a qualsiasi ora del giorno e della notte, spesso facendovi rivivere le atmosfere delle vacanze nel pieno centro di una città.

cocktail

Da non sottovalutare, poi, l’aspetto “formale”. Se anche l’occhio vuole la sua parte, il barman è il biglietto da visita di ogni locale e, probabilmente, il motivo principale per cui tornerete. Insomma, nonostante siano cambiate abitudini e caratteristiche dei consumatori e dei commercianti, questa figura mantiene il suo fascino e si fa forza con la professionalità e la tecnica (doti che non devono mai mancare).

Il barman è stato e sarà sempre un simbolo che unisce due aspetti fondamentali: quello umano, fatto di estroversione, eleganza e sicurezza, e quello professionale e creativo. Un buon barman è un ottimo venditore di se stesso, del suo locale,dei prodotti che utilizza e delle sue idee.

Share