News

Non c’è più il latte di una volta!

10616186_336538256496692_8510875765839285760_n

Da tempo tutti i locali devono far fronte alle più svariate richieste dei clienti: sensoriali, etiche, culturali e salutistiche.

Per questo il mercato offre ormai una vasta gamma di prodotti che rispondono a tali esigenze. Questi cambiamenti toccano anche il mondo del latte, tanto che al fianco di quello vaccino stanno prendendo piede specialità a base vegetale. Intolleranze, allergie e diete particolari hanno agito assieme alla voglia di provare prodotti che hanno effetti positivi ed alti valori nutrizionali.

La crescita, poi, del numero di vegani e vegetariani, ha fatto sì che la percentuale di latte di origine vegetale servito nei locali sia davvero alta, senza dimenticare il biologico.

Tali prodotti vanno però conosciuti a fondo per composizione, gusto e resa, così da permettere al barista di trasmettere la qualità dei prodotti ai clienti e diventare per loro un punto di riferimento.

La bevanda più richiesta è quella di soia, conservata a temperatura ambiente e poi, una volta aperta, in frigo a 4°C.; ci sono poi l’avena, la mandorla, il farro, il riso e la chufa.

Prodotti che vanno inseriti nel menu (magari con una rapida descrizione)  e che si prestano per preparare cappuccini, macchiati e bevande varie. Ricordate però, per evitare sprechi, di lavorare i prodotti nelle quantità richieste al momento.

Share